spinning


martedì 15 marzo 2016

Trote della roggia Mora



Detto corso diparte dal fiume Sesia nel comune di Prato Sesia. La sua origine è molto antica: il primo tratto, denominato roggia nuova , fu realizzato dal comune di Novara attorno al 1100 per sfruttare a scopo irriguo le acque del fiume Sesia . La denominazione “Mora” venne data nel XV secolo quando Federico il Moro la prolungo fino a Vigevano. Personalmente la vedo come distinti tratti, dato che essa si immette nel torrente Agogna dopo oltre 30 km e ne esce dopo qualche km in sponda opposta. E’ ben evidente che l’ acqua è diversa. 




La portata media è di 12 mcubisec. E per la pesca vi è da dire che difficilmente và in asciutta. Il suo corso fino all’ Agogna è abbastanza sinuoso e quasi naturale eccetto dei tratti in Romagnano e a monte di San Bernardino. Possiamo dire che la corrente è abbastanza sostenuta almeno fino alla passerella Merlini, diminuisce oltre e si calma abbastanza prima dell’ ingresso nel torrente.
  Vi sono tratti con poca acqua a causa di derivazioni di canali che poi rientrano nella roggia.
A Ghemme l''acqua da spettacolo







Tratto king Size nei primi kilometri (inizio al ponte della Briga) dove vi sono immissioni di trote fino a 2 Kg e mezzo ed oltre ma pescabile con ulteriore buono.
. Attualmente cioè nel 2016 è tutta acqua da salmonidi anche se non  ne capisco il perché ovvero Renato Pellò il presidente del CAGeP (che assieme ad acque della FIPSAS Novara fa il Fishing Tour) mi ha detto che da questo anno ogni acqua sarà solo a vocazione ciprinicola o salmonicola. Bah…a me andava meglio prima….


Essa è gestita dalla FIPSAS Novara/CAGeP (Fishing Tour) e il Regolamento e disposizioni varie le potete vedere al sito www.apd.no.it. Nel 2012 verrà ripopolata con 1360 kg di trote; presenti anche cavedani, barbi e carpe specie nel tratto finale. In atto anche un progetto Temolo che potete vedere al link: http://www.provincia.novara.it/Pesca/Progetti/ProgettoTemolo.pdf





Secondo lo scrivente il tratto iniziale appena uscito dal Sesia è pescabile al tocco e a spinning con qualche possibilità per i più esperti anche di fare la passata. Il tratto da Ghemme alla passerella Merlini la pesca al tocco è la più indicata con pesanti pallettoni e a seguire un difficile ma attuabile spinning
e nei tratti a minor corrente cogli innovativi artificiali della https://www.extrafg.it/ visto che ho slamato una bella fario con l’ artificiale in foto.



Oltre questo tratto si pesca a moscaove vi sono anche temoli  avendo cura di avere stivali a coscia lunga o meglio Wader e stando attenti che in sponda orografica sinistra vi è un fondo chiuso con divieto di accesso.. Oltre il tratto prima citato a vocazione temolo e fino all’ Agogna sono attuabili tutte le tecniche a seconda del pezzo specifico.


Non mancano i cavedani ed altre specie.


Negozio di pesca a Prato Sesia sulla via principale.

Come arrivare: La Mora inizia a Prato Sesia seguendo la strada che costeggia il cimitero e poi svoltando a sinistra dopo il passaggio a livello e finisce quais davanti al casello di Novara Ovest. Fino a Briona scorre sulla vostra destra e dopo sulla vostra sinistra.


Permessi: Licenza e versamento o integrazione alla FIPSAS NO/CAGeP con possibilità di buoni giornalieri
. Vedere nei siti www.apd.no.it oppure http://www.fipsas.novara.it/
Mangiare e dormire: la zona è a vocazione turistica e non vi sono problemi. Da segnalare che il circondario di Ghemme è famoso per i suoi vini e proprio nel paese ha sede una notissima fabbrica con spaccio di grappa e l’ acetifico Ponti. Specialità: Tapulon di asino….ma pretendetelo spezzettato e non macinato dato che “tabulato” vuol dire spezzettato fine.
Film
https://www.youtube.com/watch?v=ZObCHYlnnVE