7.19.2012

Bavose

I blennidi, meglio conosciuti come bavose, sono pesci bentonici appartenenti alla famiglia Blenniidae, che conta oltre 400 specie sparse il tutto il mondo; circa una ventina abitano anche i nostri mari.
Certamente dal punto di vista alieutico non hanno molto da dire, anzi quasi nulla. Non sono buone da mangiare, sono piccole (non tutte, comunque la dimensione massima delle specie nostrane più grosse non supera i 30 cm) e immancabilmente rovinano le esche e ci fanno dannare nelle nostre pescate perchè si allamano da sole restando lì senza darci il minimo segno fin quando non ci viene in mente di recuperare la nostra lenza. :-)

E allora perchè parlare di loro? Semplicemente perchè siamo Pesca&Pesca e quel "&Pesca" vorrà pur dire qualcosa...certo parliamo di come sforacchiare i pesci coi nostri ami, cerchiamo di mettervi al corrente di qualche itinerario di pesca interessante e di tenervi informati su quanto si muove nel mondo della pesca e sulle faccende ambientali, ma soprattutto cerchiamo di trasmettere il modo in cui viviamo l'acqua e quello che c'è sotto, cioè con grande curiosità.
E allora anche le bavose diventano interessanti, soprattutto se sostituiamo la canna da pesca o il fucile con una macchina fotografica.

Mi sono avvicinato a questo hobby alla fine della scorsa estate, vivendo sul mare da sempre ho girovagato nelle scogliere con maschera e boccaglio per godermi la vita sommersa, ma verso settembre scorso, mentre nuotavo in pochi metri d'acqua, mi sono imbattuto in due bellissime lecce amia: enormi, maestose, nuotavano placidamente un metro sotto di me in assoluta tranquillità.
In quel momento quasiasi pescatore avrebbe desiderato avere un fucile per tirare a uno di quei due bestioni, invece mi sono trovato a pensare che mi sarebbe piaciuto scattargli una fotografia.
Allora ho assecondato questo mio desiderio e pian piano mi sono fatto una piccola attrezzatura per fare qualche scatto in acqua.
Nulla di professionale o costoso, lo stretto necessario: muta, cintura coi pesi, guanti, pinne, ecc...e ovviamente una macchina fotografica in grado di fare foto e video in acqua. Anche qui, visto che si tratta di un hobby e che comunque vado solo in apnea, mi sono limitato ad una compatta Kodak in grado di arrivare a 3 metri di profondità.

Fino ad ora ho avuto occasione di fare qualche foto dignitosa, soprattutto in inverno: polpi, spigole, corvine, saraghi, qualche invertebrato...purtroppo tutti scatti persi con trapasso del mio vecchio portatile :-)
Ho pensato però di parlare delle bavose e di postare qualche mia immagine di questi pesci, perchè se qualcuno leggendo questo post decidesse di cimentarsi come fotografo sommerso, sappia che questi animali sono una vera manna anche per chi come me è un principiante ed è privo di conoscenze tecniche particolari.

Sono pesci tranquilli, curiosi, in molti casi non hanno la minima paura dell'uomo, anzi si avvicinano incuriosite e soprattutto si possono trovare a scarsissima profondità, quindi sono ideali per chi muove i primi passi in questo mondo.
In più hanno anche livree interessanti, non sono certo quelle dei blennidi dei mari tropicali, ma diciamo che si prestano bene all'obiettivo.









Trentino- Trote (ma non solo)-turismo e Mountain Pike

Walter&Walter La figlia di Walter Arnoldo Ad inizio luglo 2017 parto alla volta di Levico Terme e del suo lago ...