3.04.2015

Pesca col "Selvatico"

Nel 2004 attraverso il forum di PescareOnline conobbi Luca di Verbania Trobaso e  abitava a 300 metri dal Torrente San Bernardino di cui tratto nell’ articolo al link
che poi divenne riserva qualche anno fa e Selvatico ne fù vicepresidente.
Esso era all’ epoca un ragazzotto sui 24-25 anni che poi nel forum http://pesca360.forumcommunity.net/ si dette il Nick “Selvatico” e da qui’ il titolo dell’ articolo con alcuni episodi vissuti con lui e non sono frottole anche se i minimi particolari è logico che non me li ricordi.
Comunque ci conoscemmo dal vero e mi disse che lui faceva pesche adatte ai laghi grossi ma anche alpini  ma  amava la pesca nei torrenti alle trote sia al tocco sia a spinning.
Lo portai con me in Austria nell’ albergo del signor Adriano Gargantini aiutato dai 2 figli e dalla moglie  che potete vedere al link




Albergo adibito principalmente a pescatori e fungaioli e che emetteva buoni per svariate riserve della Carinzia sia a vocazione ciprinidi come la Drava (ma dove potevi prendere di tutto occasionalmente) e una bella risorgiva piena di trote e salmerini con la presenza anche di Huco Huco risalenti dalla Drava anche se essi erano pochi. Io e amici (o famiglia) vi alloggiavamo gratis dato che è noto che i maggiori autori di scritti delle riviste di pesca e i personaggi online poi danno un ritorno economico sotto forma di scritti come questo e per i gestori di riserve è pubblicità e veritiera anche.
L’ attrezzatura da pesca col galleggiante la portai tutta io dato che Selvatico non ne aveva;

 Diceva di non saper fare la tecnica ma dopo 15 minuti di insegnamento aveva già capito tutto. Quando si nasce, si vive in mezzo alle acque come lui o me tutto diventa più facile.
Come facevo di solito viaggiamo di notte e la prima cosa che facevo era fare colazione in un locale a Ferlach verso le 6 e portare l’ accompagnatore a vedere quante trote vi erano in un ruscelletto davanti alla banca del paese; Mi distrassi un attimo e Selvatico aveva già la canna da spinning in mano…..mi ci volle un po’ per convincerlo che non eravamo in Italia e li’ ci sarebbe voluto probabilmente qualche permesso.

Lo portai prima in Drava piccola a Rosegg e lui volle andare a spinning e prese 2 cavedani sui 2 kg; poi dopo la mini lezione si mise anche lui a pescare colla canna “bolognese” e anche se fù un giorno non di quelli magici un 40-45 kg di Nasen, qualche cavedano e una trota li prendemmo fra tutti e due.


Il giorno dopo andammo in Drava grossa Frestritz a ledgering e anche li’ ci mise poco ad imparare e resto allibito dalla quantità, dalla varietà di specie e dalla taglia delle catture.


Intanto giunse in hotel il famoso, forse il più famoso di quei tempi,  spinnofilo Luciano Cerchi con moglie e andammo a spinning in risorgiva;
Luca era alle stelle a pescare le trote e mi saltò anche su un piede per lanciare e lo dovei un po’ “cazziare”. Il filmino sotto è stato fatto anni dopo ed ed è inserito al solo scopo di far vedere la risorgiva



Le catture furono molteplici e ci divertimmo facendo quasi coppia fissa con Luciano; Il figlio maggiore Alberto ci porto un giorno a Lienz capitale del Sud Tirolo da Bernard Scholtz che ha o aveva (allora aveva giù un 70 anni e…facciamo corna…potrebbe non essistere più come corpo ma di certo la sua anima di imabalsamatore vaga ancora) un piccolo negozio di pesca e un enorme museo di pesci imbalsamati: Alberto era un suo allievo.
Da Bernard Scholtz a Lienz con Luciano Cerchi, Moglie e A. Gargantini

Oltre a prendere le trote di giorno a spinning una sera Selvatico assaporò un po’ troppi liquori e si mise a pescare a mosca di notte in un lago che i Gargantini usavano come allevamento e prese pure una iridea sui 2 Kg….
Aveva un pò di sete....




Mi insegno alcuni posti ottimi per gli Agoni fra cui una piattaforma a Ghiffa, dove sotto vi sono almeno 5 metri di profondità) dove essendo anche  un bravo allievo quando una sera ad Agoni a Ghiffa tagliai a pezzi un 15-20 Agoni (nel periodo buono ne prendi 20 in 10 minuti) e li buttai in acqua e gli dissi di fare altrettanto tutte le sere visto che abitava sul posto esso lo fece. Il sabato dopo tornammo e cosi’ sperimentai per la prima e ultima volta (per adesso) la pesca ai predatori pasturandoli come se fossero ciprinidini  come avevo letto facevano su una rivista concorrente a dove scrivevo io in Belgio e in Inghilterra di sicuro. Il risultato fù strabiliante e ai nostri pezzi di Agone innestati abboccarono cavedani da paura, una anguilla, bottatrici, un grosso luccio perca e lui 2 gg dopo prese un luccio di circa 10 kg.

Poi gli venne la fissa del siluro e venne giù da Verbania fin oltre Palestro (100 km circa) e lo portai sul canale Sartirana di cui potete leggere al link


Lui non ne prese ma io ne tirai fuori uno sui 4 kg e cosi’ pochi giorni dopo venne con una amico e ne presero 6-7 di cui uno sui 8-10 kg……



Visto e considerato che i silurotti presi in acque decenti sono anch ebuoni da mangiare e che Lui e i suoi amici ogni anno congelavano un sacco di pesci di ogni specie  e poi facevano una cena per almeno 70-80-90 persone cioè loro, famigliari e amici (cioè davano ad un ristoratore i pesci e il cuoco li cucinava…mi hanno fatto addirittura mangiare i Gardon sfilettati ed impannati e se dopo non me lo dicevano manco me ne accorgevo) di cui naturalmente ero invitato assieme alla moglie che quando si tratta di mangiare non si tira indietro mi scescero in 4 con una auto e un autocarro da muratore, vuotarono 5 casette di sardine in un tratto di canale  come pastura e se ne tornarno a Verbania  con almeno un quintale di siluri medio-piccoli dato che quelli grossi li killavo io e li rilasciavo nel roggione e cioè in 5 avremmo preso sui 2-2.5 quintali di siluri di cui un quintale fù mangiato alla successiva cena e il resto....
E NON VENITEMI A PARLARE DI CENTRI DI SMALTIMENTO, POSSIBILI INQUINAMENTI ECOLOGICI ECC ECC ECC DATO E CONSIDERATO CHE I PESCI CHE MUOIONO NATURALMENTE DOVE LO FANNO SE NON IN ACQUA????  LE LORO CARCASSE MICA VENGONO PORTATE DAI PARENTI NEI CIMITERI ACQUATICI O CREMATI IN APPOSITI CENTRI DOVE L’ACQUA NON SPEGNE IL FUOCO???? Ragionate gente ragionate!!!!


Surfcasting (e non solo) vicino al Vesuvio con il signor Frigenti

Questa volta sono col signor Francesco Frigenti nato a Nocera Inferiore (SA )   nel    1978   e residente a San Valentino Torio in Ca...