9.02.2015

Parco Ittico

Parco Ittico Paradiso

Articolo dedicato ai gestori del Parco Ittico Paradiso ma anche alla LIPU, agli animalisti e a tutti coloro che si dimenticano che vi sono esseri viventi anche in acqua e non solo in terra e nel cielo.
Molti anni fà seppi che nei dintorni di Lodi ed esattamente a Zelo Buon Persico vi era un parco speciale cioè Un parco ittico!!
Non ci pensai 2 volte e nel fine settimana successivo assieme alla moglie e alla famiglia ci sorbimmo i 130 Km circa fra la mia residenza e Zelo Buon Persico.


La visita mi fece naturalmente venir voglia di pescare ma DIVIETO DI PESCA nel Parco ittico; a bellezza del luogo, che descriverò in futuro, mi indusse a scrivere un articolo per una delle 2 riviste di pesca di cui ero collaboratore cioè la storica PESCARE e Il Pescatore di acqua dolce entrambe di proprietà dell' Editoriale Olimpia fallito nel 2009.
Non certo per colpa mia  visto che un subdolo personaggio che lavorava per l' Editoriale ma aveva interessi anche online pensò di denigrarmi bene presso la direzione dato che criticavo nei vari forum  chi intralazzava subdolamente o diceva cose inesatte   in internet nel mondo della pesca incluso lui. E quindi ad agosto 2008 fui escluso dai collaboratori anche se ero uno con più articoli con anche 50-60 pagine ingombro (testo+foto (dimensioni delle foto a discrezione del capo redattore)) e persi quei 2500 euri medi che mi permettevano di non incidere nelle spese famigliari per il mio Hobby cioè la pesca ovviamente.
Non mi pento affatto visto che per me nella pesca viene  prima la verità ai soldi. E di verità in quel mondo ne sapevo,  visto che le spie vi erano nei vari club ed associazioni di pesca che nelle discussioni non intervenivano (per non litigare all' interno) ma poi mi mandavano messaggi privati...... E mi vanto di essere l’ unico che cerca di trattare la pesca a 360° con itinerari, tecniche, ambiente, associazionismo, leggi e quanto altro mi è possibile.


Ma tornando indietro a metà anno 2015 ci sono tornato con i miei migliori amici di Vimodrone(MI) e la loro figlia minore  ed eccomi qui' a dirvi ed ad illustravi il Parco Ittico Paradiso.


Detto loco è un’oasi naturale di 13 ettari circa cioè 130.000 mq, dentro  un bosco di  6000 piante più o meno . I canali che derivano da acqua sorgiva ospitano oltre  20 specie di pesci d’acqua dolce, dal piccolo pesce rosso alle bellissime carpe koi




, ai grandi siluri e storioni .La famiglia Acipenseridae comprende 28 specie di pesci anadromi e d'acqua dolce comunemente conosciuti come storioni, appartenenti all'ordine Acipenseriformes. Gli autoctoni sono Storione (Acipenser Sturio) Storione cobice (Acipenser Naccarii) Storione ladano (Huso Huso) Qualche specie tipo il luccio  è difficile da vedere in quanto tende a stare nascosta sotto erbe o tronchi  in acqua ;
Lucci-Foto di repertorio


Altre sono facilmente vedibili come le carpe, le trote e i cavedani che sono ovunque. Alcune solo autoctone cioè italiane mentre altre sono alloctone cioè di altri paesi e altre considerate acclimatate essendo alloctone ma in Italia da molto tempo.

Cavedani-foto di repertorio

Fra queste ultime citiamo la carpa o le varie forme di carpe originali cioè quella a specchi , quella cuoio e  derivante dall' Asia fin dai tempi dei romani ed alcuni dicono che anche la tinca sia come la carpa mentre altri ittiologici sono del parere che le tinche sono autoctone pure.
Tinca-foto di repertorio
Le carpe Koi cioè quelle dalle molteplici colorazioni hanno una storia particolare che può essere paragonata ai pesci rossi.
I carassi sono parenti delle carpe e si ibridano con loro dando origine a ibridi con 2 baffi (le carpe ne hanno 4 mentre i carassi nessuno). Quello che però importa è che qualche carassio ha sempre avuto del colore rosso, specie sulle pinne, e i cinesi già migliaia di anni facevano incrociare individui con quella colorazione arrivando ad avere i pesce rosso. Per carpe Koy si è seguito lo stesso procedimento arrivando ad esemplari da decine di colorazioni nello stesso individuo. Succede la stessa cosa per quei pesci dalle pinne anomali o dagli occhi enormi che vedete nei normali acquari cioè fanno incrociare individui collo stesso "difetto" fisico.
Altri e esemplari che si possono definire acclimatati dato che è oltre un secolo che sono ospiti delle acque italiane sono i pesci gatto, I persici trota (Black Bass il loro nome in USA).
Black Bass-foto di repertorio


Assolutamente autoctoni sono il Cavedano, il Luccio, Le trote fario, le Anguille, delle specie di storioni e salmerini se della specie Alpinus, il barbo e il persico reale dalla stupenda livrea e aggiungo io dalla bontà in tavola superlativa.


Alloctoni tutti gli altri fra cui il Siluro che è una specie da eradicare stante tutte le leggi italiane, Questo pesce originario dai paesi dell' Est è molto simile ad un  enorme pesce gatto per intenderci e sono stati catturati esemplari lunghi quasi 250 cm cioè 120-130 kg di peso nel medio basso Po e nei laghi di Mantova  ed ha invaso buona parte delle acque della pianura padana, del Tevere e dell' Arno basso.
Foto di repertorio
Non è il solo pesce con divieto di reimmissione dopo la cattura ma esso ha creato un  grosso impatto ambientale se pensiamo che è un predatore e prima della sua comparsa il predatore che raggiungeva il maggior peso nella nostra penisola era il luccio con rari esemplari fino a  20 Kg e rarissimi (e non certificati) oltre tale peso.
Luccio-foto di repertorio


Le trote italiche sono le fario e le marmorate; le iridee sono trote USA che non si riproducono nelle nostre acque e sono quelle che normalmente troviamo nelle pescherie;
Trota iridea-foto di repertorio
Vengono inseminate artificialmente; Il loro pregio è avere una buona carne ma sopratutto risultano le più economiche da vendere od immettere nelle acque.
Grossa iridea-foto di repertorio
Le trote salmonate non sono che iridee a cui danno un mangime contenente una sostanza che vi è nei gamberetti (che mangiano in natura); La stessa cosa è fatta negli zoo per i fenicotteri rosa altrimenti perderebbero la colorazione delle piume.  Le trote giapponesi credo (credo) siano derivate anche esse da manipolazione degli asiatici.


Alloctoni abbastanza recenti cioè arrivati da qualche decina di anni sono gli Amur detti carpe erbivore, i persici spigola o Striped Bass, alcune specie di storioni, salmerini Fontanilis e altre specie non presenti nel parco.


Vi sono anche degli acquari ma il punto più qualificante dell' intero complesso sono gli osservatori sotterranei cioè si scende sotto il livello dell' acqua , attraverso un vetro, si vede quello che succede nei canali....come essere davanti ad un grosso acquario.


Il parcheggio non è vicinissimo e per chi non vuole percorrere almeno 1/1.5 Km a piedi  vi è un trenino navetta che fa da spola fino all' ingresso e ritorno  dove assieme al biglietto vi danno anche la cartina.
Il biglietto d'ingresso al Parco nel 2015 costa:

10,00 € INTERO per adulti
8,00 € RIDOTTO per bambini da 3 a 13 anni
8,00 € COMITIVA (gruppi di minimo 15 persone) nei giorni FESTIVI
7,00 € COMITIVA (gruppi di minimo 15 persone) nei giorni FERIALI
7,00 € COMITIVA (scuole, oratori e centri estivi) tutti i giorni
7,00 € bambini sotto i 3 anni facente parte di scolaresche
6,00 € oratori delle diocesi lombarde (con tessera)
GRATIS per insegnanti e diversamente abili.
Residenti a Zelo Buon Persico in possesso di documento d'identità,
biglietto intero 5,00 € e ridotto 4,00 €.
Ma vi sono anche convenzioni con enti ed associazioni.
Subito dopo vi è il bar che offre servizio di tavola fredda durante la settimana e di tavola calda nel fine settimana e festivi. Vi è anche la possibilità di prenotazione per comitive a prezzi fissi.


Vi sono i campi giochi ed esattamente il Ponte Tibetano, i passaggi sospesi, gli scivoli e le altalene.



Vi è la voliera per Fenicotteri,
il bosco dei conigli, la fattoria  e tante altre cose per passare una giornata in pieno relax e far conoscere ai propri bimbi (ed anche a Voi stessi) parte della vita acquatica esistente in Italia e altro.


Non mi prolungo di più date che state leggendo dal vostro PC e quindi per sapere altro basta che andate al link: http://www.parcoittico.it/ e potrete trovare tutte le offerte del momento (magari leggete questo articolo nel 2016). 

Parco Ittico Paradiso offre dei prezzi agevolati per gruppi e scolaresche in collaborazione con compagnie di autotrasporti private che servono la Lombardia.

 Vi do solo dei video

https://www.youtube.com/watch?v=E0dhJkxZFiI


---https://www.youtube.com/watch?v=kaH_QASwV30



----https://www.youtube.com/watch?v=XzcK6N-z2OI

e gli estremi



Parco Ittico Paradiso
Via Dosso
frazione Villa Pompeiana
26839 - Zelo Buon Persico (LO)
Tel e Fax 02 9065714
email:info@parcoittico.it



Cavedano da 90 Kg (intervista)

Beati i tempi che furono........... Questo blog è stato gestito anche da Damiano M. (NapoleoneIII) ed era anche un mezzo sito. Poi p...