12.03.2015

Spinning autunnale

 Testo e foto di Marco Altamura





 PARTE PRIMA



Finalmente quella sgradevolissima sensazione di sudore appiccicoso tipica dell’estate ha lasciato il posto all’aria fresca dell’autunno, sicuramente la stagione da me preferita; mi rendo conto di essere estremamente impopolare nell’affermare che odio i mesi caldi, ma tant’è e sopravvivrò agli strali che sicuramente mi lanceranno contro i sostenitori del sole e del caldo. In realtà per me l’autunno e l’inverno sono due stagioni durante le quali in primis sto meglio fisicamente, poi ritrovo quella voglia e quella determinazione che mi consentono di conseguire catture importanti, ed infine riesco a godere appieno del contatto con l’ambiente naturale finalmente privo degli elementi di disturbo tipici dei mesi caldi quali bagnanti, imbarcazioni, famigliole chiassose, maleducazione, e chi più ne ha più ne metta. Adesso il lago ed il fiume hanno assunto una dimensione ottimale per essere affrontati da noi spinners con successo: non è più necessario sobbarcarsi levatacce fantozziane per essere sul posto all’alba e le ore centrali della giornata tornano ad essere le più propizie per conseguire qualche bella cattura. Inoltre man mano che le temperature esterne si incrudiscono, si attua una sorta di selezione naturale nei confronti della concorrenza che per una larga fascia desiste ed abbandona il campo ai pescatori più assidui ed accaniti come il sottoscritto. Avendo da molti anni una casa sul versante piemontese del lago Maggiore, è logico che la maggior parte delle mie uscite in pesca rivolte ai predatori avvengano in questo bacino idrico comprendendo anche i vari torrenti e fiumi tributari e gli altri laghi presenti nello stesso comprensorio. L’ecosistema del grande lago prealpino scandisce il passare delle stagioni con periodi nei quali è più frequente l’incontro con il grosso luccio
o la fantomatica trota lacustre (inverno – primavera), le emozionanti catture di paffuti black bass (primavera – estate),  gli attacchi decisi di grossi cavedani e banchi di persici reali  (primavera – autunno) e le poderose ferrate su lucioperca di alcuni chili pronti a vendere cara la pelle (inverno – primavera – notti estive); l’unica stagione però durante la quale le sorprese sono sempre all’ordine del giorno ed è possibile insidiare insieme tutte queste specie predatorie è senz’altro il tardo autunno. Ed è per questo che, statistiche alla mano, gli “strike” più importanti in quanto a mole li ho conseguiti nei mesi da fine settembre a fine novembre. Forte di queste considerazioni, mi appresto ad affrontare un’uscita sul lago Maggiore con la speranza di trascorrere una giornata all’insegna del divertimento e di belle , copiose ed emozionanti catture. Non avendo nel mirino una sola specie ittica, mi attrezzo in modo da poter affrontare sostanzialmente due tipi di situazione quali lo spinning leggero a persici e cavedani e quello più “robusto” a black bass e lucci. Per il primo utilizzerò il combo formato dalla canna Delsol da mt. 2,40 con lancio effettivo fino a 15 gr. corredata dal mulinello SX-1 modello 2000 caricato con una treccia dello spessore mm. 0,12 ed un terminale dello spessore mm. 0,20; per il secondo farò affidamento sulla gloriosa Intruder sempre da mt. 2,40 ma con un range di potenza di lancio gr.15 – 40 effettivo ed un mulinello SX-1 questa volta modello 4000 caricato con una treccia di spessore mm. 0,15 alla quale connetto uno spezzone di terminale in nylon di spessore mm. 0,30. Con questo tipo di attrezzature tutte facenti parte della gamma “Rapture” di Trabucco , estremamente affidabili e performanti, sono in grado di affrontare ogni tipo di situazione, anche le più gravose e severe, uscendone vincitore.
Dopo aver caricato il tutto nel bagagliaio dell’auto, verso mezzogiorno mi dirigo deciso verso un’ampia insenatura creata dalla foce del fiume e caratterizzata da una profondità non troppo marcata e dalla presenza di diversi ostacoli sul fondo che se da una parte rappresentano un pericolo per i miei preziosi artificiali, dall’altra garantiscono la presenza di esocidi e centrarchidi che eleggono le loro dimore nei paraggi. Proprio per il fondale accidentato, opto per l’utilizzo della Intruder e di un’artificiale anti-alga quale è lo spinnerbait, e nella fattispecie decido di connettere al terminale un Windex Sniper Double Blade da ½ oncia (14 gr) con skirt “special white” e con l’aggiunta di un “trailer-hook”per far fronte ad eventuali mangiate “corte”; inizio a recuperarlo con andamento veloce a pelo d’acqua (power fishing) essendo la stessa mossa da un venticello lieve ma costante. In queste condizioni solitamente lo spinnerbait è semplicemente letale nei confronti dei black bass che lo aggrediscono con voracità. Dopo alcuni lanci nelle zone più promettenti senza registrare segni di vita, decido con lo stesso artificiale di richiamarlo lentamente sul fondo attuando un recupero “slow-rolling”, adatto sia al black bass che al luccio. Nel frattempo i 20 gradi di temperatura esterna mi invogliano a rimanere in camicia e di godere delle ultime giornate tiepide. Con uno dei tanti lanci effettuati riesco a far transitare lo spinnerbait nei pressi di un relitto sommerso e, dopo aver cozzato contro il fianco dell’imbarcazione affondata, percepisco in canna l’inconfondibile attacco del luccio che ha aggredito con ferocia l’intruso e adesso scuote il capo violentemente per liberarsi dall’inganno. Un paio di ripartenze poderose sono sempre da mettere in preventivo con il predatore dai denti aguzzi , denti che con l’utilizzo di tale artificiale hanno difficoltà a recidere il monofilo anche se sprovvisto volutamente di terminale in acciaio per non compromettere l’azione corretta dello spinnerbait. Dopo un breve ma intenso combattimento e grazie all’attrezzatura sovradimensionata per una preda di questa mole, pongo fine allo stesso tramite una sicura presa opercolare che mi consente di salpare il pesce senza ferirmi e al contempo senza arrecargli alcun danno. Porgo la mia macchina fotografica digitale tra le mani di un passante per le foto di rito ed in breve tempo ridò la libertà al giovane luccio che a occhio ho stimato pesare circa due chilogrammi. Abbandono lo spot perché il combattimento ha generato non poco frastuono e mi dirigo verso una spiaggia caratterizzata da fondale in sabbia digradante fino a raggiungere i quattro metri di profondità. Qui ho spesso effettuato catture di buoni black bass anche di mole e quindi , vista la giornata tiepida e la temperatura dell’acqua ancora accettabile, decido di utilizzare un’artificiale adatto alla ricerca del pesce negli strati superficiali dell’acqua; scelgo dalla tackle box un Bowed Minnow sempre di Rapture nella misura di undici centimetri per 11 gr di peso ed inizio ad ispezionare la porzione di lago antistante.
L’azione top water di questo minnow dalla forma curva imitante un piccolo pesce in difficoltà spesso è in grado di attrarre il predatore anche da distanze notevoli e quindi , concentrato , mi aspetto l’attacco da un momento all’altro. Attacco che purtroppo non si verifica e  quindi decido di spostarmi sulla destra per lanciare nei pressi di alcune imbarcazioni ormeggiate ad una ventina di metri da riva.

PARTE SECONDA

 Dopo il primo lancio infruttuoso riesco a depositare l’artificiale proprio nella zona d’ombra creata dalla chiglia di una barca ed improvvisamente l’acqua esplode letteralmente in un attacco top water da cardiopalma! Ho il bass in canna e si tratta di un’esemplare intorno ai 500 grammi di peso che continua a compiere evoluzioni aeree prima di arrendersi; ancora con l’artificiale in bocca lo immortalo e lo libero nel suo ambiente. Visto il successo conseguito con tale approccio, inizio con una serie di lanci a sondare tutte le postazioni occupate dalle barche ormeggiate offrendo ai predatori un pasto facile e indifeso; il lago ora è perfettamente calmo e sono in grado di percepire anche gli attacchi più subdoli, tipici dei bass di taglia. In uno degli ultimi lanci che decido di effettuare nei pressi di un’imbarcazione vedo distintamente il mio Bowed Minnow essere “risucchiato” da un grande gorgo in superficie e, dopo un breve ma interminabile lasso di tempo, porto una ferrata decisa: questa volta la Intruder si piega ampiamente sotto le bordate furiose del grosso bass che fa ricorso a tutto il suo repertorio di evoluzioni per liberarsi dall’inganno. Fortunatamente lo spazio antistante è libero da ostacoli così riesco a condurre il combattimento senza pericoli per il suo esito.
Afferro la mandibola inferiore del pesce con la mano sinistra e con ancora l’artificiale in bocca scatto alcune foto al magnifico pesce che ,a occhio, supera abbondantemente il chilo e mezzo. Finalmente una cattura degna di nota! Per il resto del tempo che mi separa dall’oscurità non registro altre catture e così decido di rientrare a casa con un bottino di immagini scattate decisamente soddisfacente. L’indomani si presenta con una giornata completamente diversa dalla precedente, con cielo non più terso e temperatura dell’aria più frizzante; raggiungo con l’auto uno spot distante circa cinque chilometri da casa e decido di pescare nei pressi di alcuni manufatti come pali di attracco e pontili galleggianti. Questa volta però cambio la mia attrezzatura ed estraggo dal bagagliaio dell’auto la Delsol preparata il giorno prima per uno spinning più leggero rivolto a cavedani e persici reali. Un classico minnow dall’assetto affondante da nove centimetri è l’artificiale universale che fa al caso mio: estraggo dalla scatola degli artificiali un Trouter sempre di Rapture (lunghezza 85 mm per un peso di 18 gr) ed inizio ad ispezionare l’area antistante un imbarcadero dove solitamente stazionano banchi di persici reali. Questo artificiale si caratterizza per un nuoto irregolare se recuperato con andamento sincopato ed un movimento wobbling (oscillazione sul suo asse) in caduta molto accattivante; le frequenti jerkate impresse con il vettino della canna lo fanno sbandare provocando spanciate con relativi lampi di luce molto adescanti ai quali i predatori tigrati non sanno resistere.
Nei pressi dei pali di attracco dei battelli conseguo due catture di piccoli esemplari di persico che libero subito per poi spostarmi nelle adiacenze di un pontile galleggiante dove, solitamente, i percidi stazionano proprio sotto la struttura all’ombra della stessa. Con l’approssimarsi della stagione fredda i persici si radunano in gruppi omogenei per grandezza e sostano la dove si trovano i banchi di pesci-foraggio una volta rappresentati da alborelle e triotti, oggi sostituiti dai più esotici gardons. Decido di effettuare il primo lancio a sinistra della struttura con direzione parallela ad essa: permetto al minnow di raggiungere il fondale che in questo spot è di circa sette metri ed inizio un recupero stop & go cercando di incuriosire i predatori con continue spanciate dell’artificiale. Recuperato il Trouter senza avvertire alcunché  , ripropongo lo stesso lancio questa volta a destra del pontile; circa a metà del recupero, proprio in prossimità dei plinti sommersi che tengono in posizione il pontile, avverto un robusto attacco e porto la ferrata. La Delsol si incurva e mi regala momenti di puro divertimento ammortizzando le poderose fughe del persico che, a dispetto delle sue dimensioni contenute, sprigiona una gagliarda difesa nel tentativo di riguadagnare la libertà. Allento un po’ la frizione micrometrica del mulinello cercando al contempo di tenere il pesce lontano dalle catene metalliche sommerse che ancorano il pontile; ho in canna un gran bel persico reale, di quelli non comuni per taglia, e mi sto godendo la cattura aiutato anche dall’attrezzatura che amplifica le sensazioni percepite. Finalmente vedo il persico emergere dalle profondità lacustri con la pinna dorsale spinosa ben eretta, il suo mantello tigrato che lo rende inconfondibile ed il Trouter finitura Rocket Shad tra le fauci. Lo porto in superficie e lo afferro chinandomi verso l’acqua; mi affretto a scattare alcune foto di un’esemplare che a occhio può pesare 700/800 grammi, lo libero dalle ancorine del Trouter e lo riconsegno al suo ambiente. Nel frattempo si è alzato un vento freddo e il cielo si è rannuvolato facendo acquistare al tempo caratteristiche più consone al periodo. Anni fa  queste condizioni atmosferiche regalavano catture a ripetizione di grossi cavedani lacustri che approfittavano del moto ondoso per attuare vere e proprie scorribande nei banchi di alborelle mietendo il terrore tra i piccoli ciprinidi.
Memore di tali momenti favorevoli ma anche conscio di una realtà che è oggettivamente mutata, decido di richiamare il minnow negli strati superficiali dell’acqua senza farlo affondare troppo; l’attacco del vorace ciprinide in queste condizioni è violento, anche se dopo un paio di puntate verso il fondo, è pronto a cedere l’onore delle armi adagiandosi sul fianco. Nel volgere di un’altra ora di pesca riesco a conseguire tre attacchi al mio minnow questa volta con finitura Pinky Shiner di cui solo due registrano esito positivo; si tratta di due grossi cavedani di circa un chilogrammo di peso l’uno che in piena frenesia alimentare, (rigurgitano piccoli gardons al momento di liberarli dalle ancorine) si sono fatti tentare dal mio Trouter sapientemente richiamato appena sotto il pelo dell’acqua e nei pressi dello stazionamento dei banchi dei piccoli ciprinidi. Liberati anche questi due pesci dopo alcuni scatti, decido di terminare la battuta anche perché il freddo e l’imminente oscurità incombono sulla scena. Riguadagno il parcheggio e ripongo la canna nel baule dell’auto ripercorrendo con la mente tutte le catture che hanno vivacizzato il mio soggiorno. A consuntivo di questi due giorni trascorsi sulle rive del “mio” lago posso senz’altro ritenermi soddisfatto per le catture effettuate sia per la non casualità delle stesse che per l’impiego di un’attrezzatura dedicata in grado di offrire prestazioni sempre al top privilegiando affidabilità e al contempo divertimento. Quando si affronta una situazione consci di possedere gli strumenti tecnici adeguati per conseguire il successo si è già compiuto metà del percorso, lasciando l’altra metà alla nostra fantasia e capacità di adattamento alle variabili che di volta in volta ci si presentano. Anche questo fa parte del sottile piacere che questa fantastica disciplina ci sa offri

Carpe,trote,storioni,lucci,BB & C. nel principato di Masserano

  Situato in una zona collinare, a quindici chilometri da  Biella . Il  principato di Masserano , unito al  marchesato  di  Crevacuore...