2.03.2016

Pescare coll' amettiera con ami piccoli

Attenti a non superare i 5 ami che la guardiapesca vi controlla!!!


Come qualcuno avrà intuito io non guardo alla forma ma all’ essenziale. E l’ essenziale nella pesca è allamare i pesci!!!! Quindi dall’ anno scorso mi sono ricordato di belle pescate con l’ amettieria con amo N 20 e sono riuscito a procurarmene qualcuna dal mio negoziante in Gaglianico(BI) Via Montegrappa N 9 per poi trovare una partita di 20 pezzi di amettiere vecchio stampo ( colla bustina verde) che ho comprato in blocco a Novara da Davide Verri Corso della Vittoria 53 Novara.

L’ amettiera con ami piccoli è il massimo nei rigiri ma funziona bene anche nei laghi e acque correnti ma non troppo veloci. L’ essenziale è fare arrivare i bigattini in pastura nei dintorni della montatura formata da una canna di 4/4.5 metri anche non di marca (si può usare canne da ledgering) , Mulinello N 2500 con filo dello 0.20/022 dato che la trave dell’ amettiera sembra (sembra….dato che non segnato sulle bustine) di uno 0.18 o 0.16 e i braccioli con filo leggermente minore.
  Un moschettone con girella alla fine del filo per agganciare e un altro alla fine per fissare il piombo che dovrà essere di un certo peso sia per stare fermo in acqua sia per fare in modo che i pesci, specialmente, i cavedani spinti da frenesia alimentare piombino su un bigattino con violenza, facciano muovere il piombo che ritornando li allami automaticamente.

E’ possibile anche agganciare anche altri pesci diversi dai barbi e cavedani anche se il maggior contribuente a questo tipo di pesca resta il “capsal”. L’ anno scorso ho preso un aspietto anche in Terdoppio
ma anche barbi grossi  specialmente agganciati nell’ ultimo o penultimo amo dei 5 che formano la montatura
come quello di 61 cm preso nel Canale Cavour a Novara Vignale e di cui vi è il link al filmino a fine scritto. Come piombo potete usare le cose che vedete in foto ma anche bulloni ecc ecc. In posti con qualche ostacolo è bene mettere fra la girella finale e il piombo un pezzo di filo dello 0.14 in modo che in caso di incaglio si spacchi e perderemo solo il piombo.
In Totale: piazzate i porta canne, agganciate l’amettiera con un solo bigattino per amo, lanciate e tenete il filo teso e poi ogni tanto una sfiondatina sopra.
In caso di cavedani a galla e profondità oltre i 2.5 metri  è opportuno fare stare l’ amettiera  alta aggiungendo del filo in basso.

Unico incoveniente è che in caso si dovesse guadinare per forza qualche amo si conficca nella rte del guadino e quindi o si taglia il bracciolo o un pezzettino di rete, personalmente uso la seconda soluzione aggiustando poi con filo grosso o trecciato la rete dell' attrezzo.




Video cavedani con amettiera
 Video Grosso barbo con amettiera



Surfcasting (e non solo) vicino al Vesuvio con il signor Frigenti

Questa volta sono col signor Francesco Frigenti nato a Nocera Inferiore (SA )   nel    1978   e residente a San Valentino Torio in Ca...