10.14.2016

pesciolini di acqua dolce fritti














Una volta era molto molto più facile fare una bella frittura di pesciolini se non portavi la fidanzata che pescava e prendeva il  prendeva il sole colle tette al vento   oppure la   figlia che ti faceva demoralizzare prendendo un vairone enorme…
Prima di cominciare controllate se avete tutte le carte in regola pesca  visto che la Guradiapesca è sempre in giro
Ma comunque anche adesso con un po di pazienza qualche vairone si riesce a trovare,
Alborella
molto meno le alborelle se non qualche fosso o piccolo canale , qualche raro gobione (che qualcuno chiama “barbtrutè “come se fosse un incrocio fra una trota e un barbo), quasi impossibile reperire i cobiti
Cobite sopra e sotto

che una volta erano ambiti per la pesca al persico reale ma anche come frittura. Impossibili prenderli coll’ amo io e mio padre solcavamo i fossi con un grosso retino detto “buratola”. Se se ne prendono poco si possono portarli a casa, pulirli e metterli nel frezeer  fino alla quantità desiderata. Si possono adoperare anche le piccole sanguinerole.
Sanguinerola
Se si avanzano vanno benissimo metterli sotto aceto e vino magari non qualche spezia .Dunque possiamo usare le alborelle, i  vaironi, le sanguinerole, gli spinarelli,
Spinarello
i  cobiti, i gobioni
e magari i piccoli pesci gatto mentre evito gli autctoni triotti (oramia specie in via di estinzione alche loro), le piccole scardole, Rodei Amari, Pseudorasbore e gambusie oltre alle oramai quasi introvabili lasche che in alcuni regolamenti vi è di divieto permanente di trattenerle.
2 rodei Amari, una alborella in mezzo e una pseudorasbora
Canne fisse o con mulinello (se si vuole tentare di prendere qualche cavedano o Barbo con passate lunghe) di 5 metri, ami da N 18 al N 22 con filo dello 0.10/012, galleggianti da 0.5 a 1 grammo e affusolati se si pesca in acqua ferma; Astina tarata al limite per vedere bene la tocca del pesciolino. Tanto per la cronaca gli oramai sparuti gruppi di alborelle erano migliaia e sono state vinte delle gare con oltre 1000 pesci in 3 ore usando cannini da 3 metri; Non slamavano manco il pesce ma con un violento colpo di posto sopra la grande nassa circolare lo facevano andare dentro.
***
In sostituzione di questi presi potete usare i latterini che trovate in qualsiasi pescheria degna di tale nome. Per i più piccoli basta schiacciarli la pancia per fargli usare le interiora mentre per gli altri bisogna usare una forbice. Lavarli molto bene e asciugarli con una panno per poi passarli nella farina; Si consiglia di setacciare i tutto per evitare trota (Ops refuso…volevo dire  troppa) farina. In una casseruola grossa con olio già caldo si immettono i pesciolini fino a quando sono ben croccanti. Qualche goccia di limoni e birra o vino bianco come bevande.Patatine fritte sono l' ideale contorno ma possiamo anche usare zucchine o peproni.
Video frittura: https://www.youtube.com/watch?v=p-Uo2o1EATM

I galleggianti grossi e gli ami del N 5/= servono per pescare nel lago Whorter (Carinzia) le Alborelle Carenatus che arrivano a 4 etti...ah ah ah


Trentino- Trote (ma non solo)-turismo e Mountain Pike

Walter&Walter La figlia di Walter Arnoldo Ad inizio luglo 2017 parto alla volta di Levico Terme e del suo lago ...