2.11.2017

Pescare il coregone



In Europa è diffuso nelle acque dolci di Gran Bretagna, Nord Europa, Francia, Svizzera e Italia, nonché nel Mar Baltico, e nel Mare del Nord. Recenti ritrovamenti in Iran. In Italia il lavarello è stato introdotto alla fine del XIX secolo dai laghi elvetici: oggi è diffuso nei laghi laziali e nei grandi laghi prealpini.
Le popolazioni che vivono nella parte settentrionale dell'habitat hanno abitudini anadrome mentre nel sud la specie popola soprattutto le acque dolci della zona pelagica dei laghi. Può raggiungere i 70 cm di lunghezza, ma la taglia più comune è di 30-40 cm. L'accoppiamento e la deposizione avvengono all'inizio dell'inverno in zone con acque fluviali calme e basse. Le uova hanno un diametro di circa 2,5 mm. L'incubazione è molto lunga, dura circa 60 giorni, alla fine dei quali si schiudono delle piccole larve (10/11 mm) provviste di sacco vitellino.
Lo sviluppo è molto lento, circa 2-3 mesi, in contrapposizione al periodo successivo, estremamente veloce, che porta ad una maturità sessuale nel giro di 1-2 anni.

Si nutre prevalentemente di zooplancton.
Nei laghi italiani non esistono specie autoctone di coregone. Il Coregone Lavarelle è stato introtto nei laghi alpini vicino al 1860.
] Il coregone Bondella arriva anche Lui dalla Svizzera e precisamente dal lago di Neuchetel e fù introdotto nei laghi Maggiori e di Como; cresce più rapidamente del Lavarello ma ha una taglia massima  inferiore (cioè con una media di 30 cm contro i 60 del Lavarello e la leggenda dice che fù appunto per questo che fù introdotto nel lago di Como verso il 1970 essendo più adatto ad essere cucinato dalle casalinghe…..ah a queste  mogli non và mai bene nulla…

Attualmente vi sono 3 tecniche distinte e cioè quella austriaca con canne da lancio di 4/5 metri e grossi galleggianti scorrevoli  praticata specie da riva dove vi sono fondali marcati.

La tecnica francese che utilizza una canna corta detta “cannino” con montato un leggero mulinello.
La tecnica svizzera tedesca con canna appoggiata alla spalla in azione di pesca che con un mulinello denominato “ruota” ed è similare alla precedente differenziata solo dalla lunghezza della canna.
Le ultime due sono le più utilizzate e necessitano di una barca e di uno ecoscandaglio dove permesso; In alternativa si fa i furbastri e si guarda dove sono le altre barche in pesca.

Individuati i pesci si ancora ben bene la barca avendo cura di avere una lunga corda dato che i pesci possono stazionare anche a profondità elevate.

I pesci si pescano con lunghe amettiere con x ami (a seconda delle legge vigente nel luogo) del mosca nelle misure dal N 10 al N 16 anche se la più utilizzate sono le intermedie cioè 12/14 a gambo dritto o storto con gli ami a distanza superiore almeno 70 cm con braccioli lunghi 2/3 cm massimo legati con finali neutri dello 0.14/0.16;
Ne consegue che il filo in bobina deve essere un po’ superiore.  Inizialmente si inizia con amettiere con imitazioni di colori misti e si nota che un particolare colore attira di più si innesca solo una lenza di quel colore.  Questo vuol dire che ne dovremo avere un bel po’ di scorta.

Si cala la lenza per pendicolare con un piombo finale a pera con anello, girella con moschettone sul brancodi pesci all’ altezza individuata ; Questo in modo di poter cambiare il peso del piombo. Se non si ha l’ ecoscandaglio si và per forza a tentativi.
La mangiata può essere secca o delicatissima ed anche in calata ed in ogni modo dovremo sempre ferrare immediatamente.
Il pesce tira molto e il recupero deve essere deliCato anche perché ha la bocca sottile.

Essendo che il coregone possa essere agganciato in un amo finale si deve avere a disposizione un guadino , generalmente fatto apposta, che si allunghi di parecchi metri.


Video
https://www.youtube.com/watch?v=LX5aA4JF4DM
https://www.youtube.com/watch?v=wQl4il8DPW8
costruire l’ amettiera
https://www.youtube.com/watch?v=LbCmDgUu8bY
come sfilettare il Coregone
ricetta
https://www.youtube.com/watch?v=lVU7m0wzHzI







Pescare? Anche...ma lavorare in altro modo nel mondo della pesca e pure gratis.

Trota recuperata nel Toce Gli elettrostorditori, sono costituiti da un generatore, dal quale escono due cavi terminanti con un polo po...